bann datagest17 gen19 728 90

CHI E' ROBERTO GENTILE

rgentile-bn.jpg

L'EDITORIALE DI...

      bann m e partners dic2018 160 124



T.O. DEL MESE

BOTTA & RISPOSTA

IPSE DIXIT

unconvention1 qunconvention2Per chi, come l’autore di questa newsletter di convention turistiche ne ha viste più di un centinaio, è difficile stupirsi e trovare qualcosa di veramente originale. Eppure la UNconvention di Idee per Viaggiare (JW Marriott Venezia, 6-8 ottobre 2019) di spunti ne ha forniti, a cominciare dal pay-off “Sharing Stories, Sharing Dreams”. Perchè le storie e i sogni erano quelli di otto manager del t.o. romano, tra cui i fondatori Danilo Curzi, Roberto Maccari e Stefania Fusacchia. Ognuno di loro, salito su un palco, davanti a una platea di 200 ospiti e abbagliato da un faro, si è messo a nudo: chi ha raccontato del primo viaggio coi genitori su una Skoda del 1963, chi la passione per la pasticceria napoletana, chi l’amore (pare ricambiato) per Sting, chi il colloquio di lavoro che ha cambiato la sua vita. Passione, era il leit-motiv della Unconvention, conclusa con tutto lo staff (135 persone) a celebrare sul palco. “Questo è un periodo molto sereno, per Idee per Viaggiare” rivela con orgoglio Danilo Curzi, che prosegue “Noi non conosciamo turn-over di personale”. Il primo si vede, il secondo ne consegue.

 

cdp convegno lido venezia qlogo cdp 400 400 q14 giugno 2019, Venezia Lido, riqualificazione dell’ex Ospedale a mare: entro il 2023, un albergo gestito da TH Resorts e un resort di livello internazionale gestito da Club Med, per un totale di 525 camere. Investimento di 132 milioni di euro, di cui 9 per oneri di urbanizzazione, interamente sostenuto da Cdp cassa depositi e prestiti, già proprietaria dell’area dal 2013. Ricadute economiche sul territorio: 77 milioni di euro; giro d’affari previsto, con TH e Club Med a regime: 14 milioni all’anno; 500 nuovi posti di lavoro. Questi i numeri snocciolati da Fabrizio Palermo, a.d. di Cdp, a sinistra nella foto con Graziano Debellini e il ministro Gianmarco Centinaio. 132 milioni di euro e un ritorno sull’investimento che si misura in decenni, non in anni. Chi può permettersi cifre del genere, se non Cdp? Perché per fare turismo ci vogliono tanti soldi e la Cassa depositi e prestiti, che gestisce il risparmio postale italiano dal 1875 (!), ne ha. Nel turismo ha già investito: il 46% del capitale di TH Resorts, il 23% di Rocco Forte Hotels e gli investimenti immobiliari (tra gli altri, i villaggi ex Valtur e il Blu Salento Village) con il fondo FIT Fondo Investimenti per il Turismo. Sempre a botte di decine di milioni. Decine. Croceristi a parte (sulle proprie navi Costa Crociere e MSC investono miliardi, non milioni), solo un altro attore in Italia ha messo tanti soldi nel turismo: la TIP di Giovanni Tamburi in Alpitour a maggio 2018. Ma mentre Tamburi ha come obiettivo la Borsa (anche se non subito, come rivela il patron di Alpitour Gabriele Burgio), Cdp “opera a sostegno della crescita del settore turistico”, come recita l’home page istituzionale. Nessun imprenditore che accetti Cdp come socio, alla stregua di Graziano Debellini, fondatore ed ex azionista di maggioranza di TH Resorts?

 

poster bit qE’ sempre difficile essere obiettivi e distaccati su una manifestazione che frequento da trent’anni, della quale ricordo edizioni fantasmagoriche, negli anni ’90 pre-internet, durante le quali tutto il mondo del turismo si trasferiva - armi, bagagli e contratti - nei vecchi padiglioni della Fiera di Milano. Innanzitutto, è già buona cosa che la BIT ci sia ancora, perché manifestazioni più titolate come lo SMAU (ancora più fantasmagoriche, all’epoca) non ci sono più. In secondo luogo, i non numerosi operatori che ci credono ancora (tipo MSC Crociere e le sue divisioni, ad esempio) si notano anche di più, vista l’assenza degli altri. Poi, sarebbe un peccato che Milano, la metropoli più trend-setter in Europa, al momento, non avesse un evento dedicato al turismo. Ma che la BIT non sia più nel cuore dei milanesi (e degli espositori), com’era vent’anni fa, lo testimonia il mega-poster dello Sri Lanka che campeggia in metropolitana: neanche un “Venite a trovarci in BIT!” scritto in un angolo. Neanche piccolo piccolo.

 

federer nostalgia combinatoNessuno dubita che Roger Federer vada ormai considerato il più grande tennista della storia. Pochi ricordano, ma nessuno dubita, che nell’Alpitour degli anni ‘70/’80 ci fossero già gli elementi che le avrebbero permesso di mantenere la leadership del turismo italiano fino a oggi. Cos’hanno in comune Federer e l’Alpitour del secolo scorso? Quella che i mental coach chiamano “in the zone” o “trance agonistica”: nel tennis, quella rara e incredibile condizione psicofisica in cui tutto fluisce senza sforzo apparente, il gioco funziona alla perfezione e tu sai già che colpirai la pallina e la manderai esattamente in quell’angolo del campo dove il tuo avversario non arriverà mai. Federer lo ha sperimentato svariate volte, vincendo i suoi venti titoli nel Grande Slam. Nel lavoro, soprattutto creativo, è quello stato di coscienza in cui si è completamente immersi nell’attività che si sta facendo, totalmente coinvolti da essa, focalizzati sull’obiettivo, assolutamente positivi sul raggiungimento del risultato, intrinsecamente motivati e gratificati dallo svolgimento stesso del compito. L’Alpitour guidata da Lorenzo e Guglielmo Isoardi era “in the zone”: apriva una destinazione (le Canarie, ad esempio) e i turisti accorrevano a frotte; lanciava una promozione e i telefoni del booking s’incendiavano; metteva su catene charter su Spagna, Grecia, Tunisia e doveva sempre aggiungere voli extra; inventava, dal nulla, l’Assistenza in loco e questa diventava un canone per tutta la concorrenza. Ma, soprattutto, era l’atmosfera che in quegli anni si respirava nella storica sede di San Rocco Castagnaretta, a due passi da Cuneo, che era veramente “in the zone”: centinaia di colleghi, la maggioranza dei quali nati in un raggio di pochi chilometri, che trasformavano l’Agenzia Alpi di Lorenzo Isoardi - in una provincia allora senza neanche l’autostrada - nel più importante t.o. italiano. Del quale facevano parte, tanto per fare qualche nome, il Paolo Monte inventore dell’indimenticato “Turista fai da te? No Alpitour? Ahi ahi ahi”, il Pietro Aversa che sarebbe poi andato in Alitalia e in IATA, e oggi in Nicolaus; il Sergio Testi che, dopo trent’anni di Alpitour, oggi guida Gattinoni Travel Network. Sono certo che la pensano come me tutti i duecento (!) colleghi che il 13 aprile 2019 si sono ritrovati a Cuneo in occasione dell’Operazione Nostalgia, raduno degli ex dipendenti Alpitour (ma non solo) accolti da un sempre in forma Guglielmo Isoardi. “Non sapevamo che stavamo facendo qualcosa di grande, ma lo facevamo con passione e con amore” rivela, quasi commosso, uno dei presenti. La prossima volta invitiamo Roger Federer.

 

giopp ericafoto wtmErica Giopp è una Millennials e conosce il mandarino e i cinesi come pochi suoi coetanei. Dopo aver lavorato per anni con Voglia d’Italia Tour (viaggi in Italia per cinesi di fascia alta) si è messa in proprio e al WTM è stata invitata per una testimonianza in pubblico. Ecco il suo racconto:

“Camden Town London, la sveglia suona alle 6:30, caffè nel bicchierone, giù nel Tube, London ExCel è sulla Jubilee, WTM here we are, si aprono ufficialmente le danze e ce n’è per tutti: stand scintillanti più o meno innovativi; chi punta sui mega schermi, chi sulla realtà aumentata, chi sulle miss locali svestite tipicamente (evergreen), chi sul food and beverage (e non sbaglia mai). I panel si susseguono durante la giornata: molta realtà aumentata, molte Digital Tools ma altrettanti focus su Human Touch, Connections e Relationship. Gli speaker fanno il possibile per non abusare della parola “experience” e si concentrano sui “traveler’s feelings”. Un’intera area tematica dedicata al mercato asiatico, cinese in particolare, dove non si menziona l’ormai immancabile bollitore in camera,  ma si tratta di Wechat Miniprograms e come implementarli. Focus su donne in carriera e LGBT, molto partecipato il primo, più interessante il secondo. Really appreciated sono state la Puglia per le orecchiette offerte a pranzo, la Grecia per una superficie espositiva talmente grande da far impallidire la Cina e, per il marketing scatenato, if you don’t mind the gap, ecco che la Bulgaria is the “New” Zealand. Ne esco con l’acido lattico e le tasche piene di business card, il WTM vale il viaggio anche solo per fare networking”.