CHI E' ROBERTO GENTILE

rgentile sett21

L'EDITORIALE DI ROBERTO GENTILE

      bann nicolaus feb22 160x124



T.O. DEL MESE

BOTTA & RISPOSTA

IPSE DIXIT

wonder qrcg logo qL’occasione è offerta dall’esordio sul Mediterraneo, a Barcellona, del “barco mas grande del mundo”, la Wonder of the Seas di Royal Caribbean Group: cercherò di spiegare perché le crociere di oggi sono un prodotto molto diverso da quello originale.

 

Premessa, per l’ammiraglia della classe Oasis parlano i numeri: 237.000 tonnellate, 362 metri di lunghezza, 18 ponti, 6.988 (non 7.000, eh) ospiti e 2.300 membri dell’equipaggio. Colossale. Numeri funzionali - anche - a un radicale revisione del concetto di crociera. Revisione, sia ben chiaro, che investe tutti gli operatori, quindi non solo Royal Caribbean, ma anche Costa, MSC & C.

 

Stiamo assistendo alla quarta rivoluzione di quello che - meno di un secolo fa - era nato come prodotto accessorio alle traversate oceaniche dall’Europa alle Americhe: quelle che prima avevano accompagnato emigranti dalle povere Irlanda o meridione d’Italia alle speranze del Nuovo Mondo e - poco dopo - nobili e ricchi borghesi da Southampton a New York (il Titanic non ci sarebbe mai arrivato).

 

La prima rivoluzione ebbe luogo dopo il secondo conflitto bellico: si poteva andare in crociera come in villeggiatura, partendo e tornando nello stesso porto, visitando Paesi e città che non si sarebbero facilmente raggiunte con altri mezzi. Prodotto per clienti danarosi e con disponibilità di tempo, quindi per pochi eletti.

 

La seconda rivoluzione fu quella innescata dal serial televisivo “Love Boat”, ambientato sulla Pacific Princess, capitanata dal mitico comandante Stubing. Erano gli anni ‘80 e improvvisamente il mondo capì che su una nave da crociera ci si poteva anche divertire (bere, ballare e cuccare, tra l’altro) e l’età media scese improvvisamente, accogliendo giovani e famiglie.

 

La terza rivoluzione è recente, ha avuto luogo soprattutto nel Mediterraneo e ha trasformato la crociera in prodotto di massa: ne è testimonianza il fatto che i soli croceristi italiani sono passati, dal 2009 al 2019, da poche decine di migliaia a 900.000. Navi sempre più grandi, attracchi in sempre più porti, itinerari sempre più vari.

 

La quarta rivoluzione é attuale, e per dimostrarla citerò appunto Royal Caribbean Group. La parola chiave é “intrattenimento” al posto di “viaggio”.

 

Tutti e quattro gli spettacoli di punta del programma serale della Wonder of the Seas sono produzioni esclusive del Royal Caribbean Production Studio di Miami: 40.000 mq per allestire gli show sulle navi, neanche a Broadway. Secondo, l’incremento del tempo trascorso “at sea” durante una classica crociera da 7 notti: verso i Caraibi da NYC, ad esempio, sono previsti 3 o 4 giorni di navigazione, quindi ne rimangono ben pochi per le soste. Infine, le “private destination”, ovvero le isole private dove attraccano le grandi navi: alle Bahamas, per dire, ne possiedono una sia Royal Caribbean che MSC. Arriveranno anche nel Mediterraneo.

 

Conclusione: il prodotto crociera oggi è sempre più “in house”, ovvero sotto il totale controllo dell’armatore. A terra si sale e si scende, ma ci si sta poco. A bordo, il più a lungo possibile. Perché non c’è limite al divertimento. Peccato, per noi boomers nostalgici della Statua della Libertà che si stagliava nella nebbia, quando da lontano intravedevamo il Nuovo Mondo.

 

3conventionserra micheleHo contribuito all’ideazione e moderato tre convention organizzate a fine 2019 da tre noti t.o.: OTA Viaggi a Orosei, in Sardegna); Idee per Viaggiare a Venezia; Quality Group a San Pietroburgo, in Russia, capitanato da Michele Serra, a.d. Mistral Tour (in foto). Ho già affrontato il tema assegnando le pagelle alle convention di Gattinoni e Uvet, ma stavolta mi concentro sui tour operator e cerco di spiegare perché una convention - se ben organizzata - diventa un formidabile mezzo di comunicazione. Devono coincidere, a mio parere, i seguenti tre elementi:

1) devi avere una forte idea di fondo: quando riunisci 300 o 400 persone (quasi sempre agenti di viaggi) in un luogo e le tieni lì per 48 ore e più, devi spiegare perché e la spiegazione deve essere forte. Presentare il nuovo catalogo? Banale. Illustrare il prossimo piano commerciale? Visto mille volte. Dare visibilità ai partner? Che noia. Serve una Unique Selling Proposition, cioè qualcosa di unico e irripetibile: “Siamo qui perché OTA Viaggi celebra trent’anni!” è già un ottimo motivo. Poi se sul palco, per la prima volta, salgono tutti insieme il fondatore Stefano e i figli Domenico e Mario Aprea, la platea dedica loro un applauso a scena aperta e qualche lacrima scende (sopra e sotto il palco) allora la convention sta funzionando;

2) devi generare grande spirito di appartenenza: quando la convention è chiusa (niente ospiti, niente partner, niente media) allora l’evento è un magnifico volano di comunicazione interna. Quality Group ha riunito a San Pietroburgo 190 dipendenti su 230 (tutti, salvo malati e impossibilitati) e ha fatto scorrere davanti a loro, sul palco di un teatro del tempo degli zar, tutti e 15 i titolari dei 9 brand che fanno parte del consorzio. Ognuno di loro ha raccontato la propria avventura, con tre minuti a disposizione, e in un’ora la storia di Mistral, del Diamante & C. è scorsa - meglio di un film - davanti agli occhi della platea. “Non sapevo neanche la metà delle vicende del mio gruppo, ora le so e sono orgoglioso di lavorare qui” ho sentito dopo l'evento;

3) devi inventarti qualcosa che nessuno ha mai fatto: Danilo Curzi di Idee per Viaggiare è un creativo e ha lavorato per un mese (ad agosto) perché la sua convention avesse un taglio teatrale. Ha dato voce alla Passione (una voce tonitruante, fuori campo, che richiamava quella di Dio nel musical “Aggiungi un posto a tavola”), ha scelto una colonna sonora coerente con ciascuno dei colleghi saliti sul palco (da “Grazie Roma” a “Let's spend the night together”) e ha scelto una a una (in un archivio di centinaia) le immagini che facevano da sfondo alla Idee per Viaggiare di vent'anni fa o dell'anno scorso. Un lavoro unico e certosino, irripetibile.

Conclusione: idee chiare, tanto tempo e molto impegno. E passione, senza limiti. Solo così la convention, da evento aziendale un po' scontato, diventa una macchina di consensi.

 

cdp convegno lido venezia qlogo cdp 400 400 q14 giugno 2019, Venezia Lido, riqualificazione dell’ex Ospedale a mare: entro il 2023, un albergo gestito da TH Resorts e un resort di livello internazionale gestito da Club Med, per un totale di 525 camere. Investimento di 132 milioni di euro, di cui 9 per oneri di urbanizzazione, interamente sostenuto da Cdp cassa depositi e prestiti, già proprietaria dell’area dal 2013. Ricadute economiche sul territorio: 77 milioni di euro; giro d’affari previsto, con TH e Club Med a regime: 14 milioni all’anno; 500 nuovi posti di lavoro. Questi i numeri snocciolati da Fabrizio Palermo, a.d. di Cdp, a sinistra nella foto con Graziano Debellini e il ministro Gianmarco Centinaio. 132 milioni di euro e un ritorno sull’investimento che si misura in decenni, non in anni. Chi può permettersi cifre del genere, se non Cdp? Perché per fare turismo ci vogliono tanti soldi e la Cassa depositi e prestiti, che gestisce il risparmio postale italiano dal 1875 (!), ne ha. Nel turismo ha già investito: il 46% del capitale di TH Resorts, il 23% di Rocco Forte Hotels e gli investimenti immobiliari (tra gli altri, i villaggi ex Valtur e il Blu Salento Village) con il fondo FIT Fondo Investimenti per il Turismo. Sempre a botte di decine di milioni. Decine. Croceristi a parte (sulle proprie navi Costa Crociere e MSC investono miliardi, non milioni), solo un altro attore in Italia ha messo tanti soldi nel turismo: la TIP di Giovanni Tamburi in Alpitour a maggio 2018. Ma mentre Tamburi ha come obiettivo la Borsa (anche se non subito, come rivela il patron di Alpitour Gabriele Burgio), Cdp “opera a sostegno della crescita del settore turistico”, come recita l’home page istituzionale. Nessun imprenditore che accetti Cdp come socio, alla stregua di Graziano Debellini, fondatore ed ex azionista di maggioranza di TH Resorts?

 

unconvention1 qunconvention2Per chi, come l’autore di questa newsletter di convention turistiche ne ha viste più di un centinaio, è difficile stupirsi e trovare qualcosa di veramente originale. Eppure la UNconvention di Idee per Viaggiare (JW Marriott Venezia, 6-8 ottobre 2019) di spunti ne ha forniti, a cominciare dal pay-off “Sharing Stories, Sharing Dreams”. Perchè le storie e i sogni erano quelli di otto manager del t.o. romano, tra cui i fondatori Danilo Curzi, Roberto Maccari e Stefania Fusacchia. Ognuno di loro, salito su un palco, davanti a una platea di 200 ospiti e abbagliato da un faro, si è messo a nudo: chi ha raccontato del primo viaggio coi genitori su una Skoda del 1963, chi la passione per la pasticceria napoletana, chi l’amore (pare ricambiato) per Sting, chi il colloquio di lavoro che ha cambiato la sua vita. Passione, era il leit-motiv della Unconvention, conclusa con tutto lo staff (135 persone) a celebrare sul palco. “Questo è un periodo molto sereno, per Idee per Viaggiare” rivela con orgoglio Danilo Curzi, che prosegue “Noi non conosciamo turn-over di personale”. Il primo si vede, il secondo ne consegue.

 

federer nostalgia combinatoNessuno dubita che Roger Federer vada ormai considerato il più grande tennista della storia. Pochi ricordano, ma nessuno dubita, che nell’Alpitour degli anni ‘70/’80 ci fossero già gli elementi che le avrebbero permesso di mantenere la leadership del turismo italiano fino a oggi. Cos’hanno in comune Federer e l’Alpitour del secolo scorso? Quella che i mental coach chiamano “in the zone” o “trance agonistica”: nel tennis, quella rara e incredibile condizione psicofisica in cui tutto fluisce senza sforzo apparente, il gioco funziona alla perfezione e tu sai già che colpirai la pallina e la manderai esattamente in quell’angolo del campo dove il tuo avversario non arriverà mai. Federer lo ha sperimentato svariate volte, vincendo i suoi venti titoli nel Grande Slam. Nel lavoro, soprattutto creativo, è quello stato di coscienza in cui si è completamente immersi nell’attività che si sta facendo, totalmente coinvolti da essa, focalizzati sull’obiettivo, assolutamente positivi sul raggiungimento del risultato, intrinsecamente motivati e gratificati dallo svolgimento stesso del compito. L’Alpitour guidata da Lorenzo e Guglielmo Isoardi era “in the zone”: apriva una destinazione (le Canarie, ad esempio) e i turisti accorrevano a frotte; lanciava una promozione e i telefoni del booking s’incendiavano; metteva su catene charter su Spagna, Grecia, Tunisia e doveva sempre aggiungere voli extra; inventava, dal nulla, l’Assistenza in loco e questa diventava un canone per tutta la concorrenza. Ma, soprattutto, era l’atmosfera che in quegli anni si respirava nella storica sede di San Rocco Castagnaretta, a due passi da Cuneo, che era veramente “in the zone”: centinaia di colleghi, la maggioranza dei quali nati in un raggio di pochi chilometri, che trasformavano l’Agenzia Alpi di Lorenzo Isoardi - in una provincia allora senza neanche l’autostrada - nel più importante t.o. italiano. Del quale facevano parte, tanto per fare qualche nome, il Paolo Monte inventore dell’indimenticato “Turista fai da te? No Alpitour? Ahi ahi ahi”, il Pietro Aversa che sarebbe poi andato in Alitalia e in IATA, e oggi in Nicolaus; il Sergio Testi che, dopo trent’anni di Alpitour, oggi guida Gattinoni Travel Network. Sono certo che la pensano come me tutti i duecento (!) colleghi che il 13 aprile 2019 si sono ritrovati a Cuneo in occasione dell’Operazione Nostalgia, raduno degli ex dipendenti Alpitour (ma non solo) accolti da un sempre in forma Guglielmo Isoardi. “Non sapevamo che stavamo facendo qualcosa di grande, ma lo facevamo con passione e con amore” rivela, quasi commosso, uno dei presenti. La prossima volta invitiamo Roger Federer.